pulizia-della-lingua

Quanto è importante la pulizia della lingua?

  • 0/5
  • 0 ratings
0 ratingsX
Very bad! Bad Hmmm Oke Good!
0% 0% 0% 0% 0%

Quella di lavarsi i denti è una buona abitudine che viene osservata da tutti quotidianamente, ma quanti pensano anche alla pulizia della lingua? Eppure, soprattutto se si soffre di alitosi, nessun angolo della bocca può essere risparmiato da un’accurata pulizia. Una volta andati dal dentista ed escluse cause più gravi dell’alito cattivo, è bene quindi dedicare qualche minuto in più alla propria igiene orale coinvolgendo anche la lingua.

 

 

I sintomi di una cattiva pulizia linguale

Quando si pensa ai batteri presenti in bocca, spesso si immagina che vivano sui denti, in attesa del momento giusto per cariarli. In realtà, i batteri sono presenti in tutta la bocca, ovunque riescano a trovare i residui di cibo necessari per nutrirsi, anche sulla superficie della lingua, poiché è ricoperta da un sottile strato di muco, ideale per la proliferazione dei germi. Come forse saprai, sono loro i veri responsabili dell’alitosi: producono infatti dei composti volatili solforati, dall’odore sgradevole. Sebbene si trovino su tutta la lingua, si annidano soprattutto nelle zone più difficili da raggiungere, verso la gola. Per questo lavarsi i denti con spazzolino e dentifricio non è sufficiente: si stima che circa il 75% dei composti solforati non venga eliminato dalle normali pratiche domestiche di igiene dentale.

 

 

Come effettuare la pulizia della lingua

Appurato che pulire la propria lingua è importante, ti chiederai come fare. In questo caso, la risposta più semplice è anche quella giusta: con lo spazzolino! Dopo aver spazzolato accuratamente le arcate dentali, tira bene fuori la lingua e massaggiala delicatamente su tutta la sua lunghezza con le setole. Poi sollevala e cerca di pulire anche la superficie inferiore del muscolo, insistendo sull’attaccatura della lingua, zona ricca di residui di cibo e batteri. Altrimenti, puoi utilizzare un nettalingua, un raschietto a forma di “U” che, con un po’ di pratica, permette di pulire la superficie della lingua con una sola passata. Ricorda però che la pulizia orale domestica, anche se comprende anche la lingua, non può sostituire quella fatta dal dentista, che va effettuata almeno due volte l’anno.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie . Il non consenso porta al non corretto funzionamento di questo sito web. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi