alitosi

Alitosi: i rimedi a questo problema diffuso

  • 0/5
  • 0 ratings
0 ratingsX
Very bad! Bad Hmmm Oke Good!
0% 0% 0% 0% 0%

 

Probabilmente, ti sarà capitato in più di un’occasione di sentirti a disagio a causa del tuo alito non particolarmente “fresco”. L’alitosi, infatti, rappresenta un problema locale che, oltre ad essere diffuso, si rivela alquanto imbarazzante.

In poche occasioni ricorrere ad una caramella alla menta, o ad una gomma da masticare, darà i risultati sperati. In diversi casi a generare l’alito cattivo è la semplice presenza, negli interstizi dentali, di residui di cibo. Questi ultimi, se non rimossi immediatamente mediante spazzolino, collutorio o apposito filo interdentale, tendono a degradare rapidamente a causa dei batteri.

 

 

 

Le cause principali

 

Se l’alito cattivo,  si manifesta unicamente al momento del risveglio, molto probabilmente sono la diminuzione della produzione di saliva nelle ore notturne, e i limitati movimenti della bocca durante il sonno, a provocarlo. Anche un pasto piuttosto abbondante, così come il fumo, può dar luogo all’alitosi, soprattutto se nei piatti sono presenti aglio e cipolla.

Maggiore attenzione è richiesta se l’alito cattivo non costituisce più un’eccezione. In tal caso, infatti, tra le cause rientrano problemi ai denti (e gengive), oppure patologie a livello digestivo o respiratorio. L’alitosi è una manifestazione tipica di sinusiti, faringiti e di malattie ai polmoni. Anche la semplice assunzione di alcune tipologie di antibiotici può dare origine al problema.

 

 

 

Igiene orale: denti puliti e visite periodiche dal dentista

 

Tieni presente che la carie e un’infiammazione gengivale, tendono a favorire la proliferazione dei batteri nel cavo orale. Per tale motivo è fondamentale dedicare alcuni minuti, dopo i pasti, all’igiene orale.

Avere dei denti puliti non è sufficiente; meglio ricorrere anche al filo interdentale e ad abbondanti risciacqui con un collutorio ricco di sostanze ad azione antisettica.

Effettuare un controllo dal dentista almeno due volte l’anno, sottoponendosi a trattamenti specifici. Se sei un portatore di protesi fisse, ponti, o apparecchi ortodontici, si riveleranno estremamente utili gli irrigatori orali. Tali apparecchiature, avvalendosi di un getto d’acqua particolarmente potente, garantiscono una perfetta pulizia degli spazi interdentali, irraggiungibili con un semplice spazzolino.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie . Il non consenso porta al non corretto funzionamento di questo sito web. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi